FRUTTI A GUSCIO - NOCE - ALLERGIA ALLA NOCE

NOCE

 

WALNUT - NOIX  

 

La parola “noce” in italiano designa principalmente il frutto della pianta Juglans regia, cioè del noce, e molto meno si riferisce al termine generico che si riferisce alla frutta secca.

Le piante maggiormente conosciute che hanno come frutto la noce sono
- Noce europeo o Noce comune (Juglans regia L.)
- Noce nero o Noce americano (Juglans nigra L.)
- Noce bianco (Juglans cinerea L.) con caratteristiche analoghe del Noce nero.
La noce più diffusa è quella del Noce europeo per le sue dimensioni e per la facilità con cui si rompe il guscio legnoso.
Pare  che la pianta sia originaria della Persia settentrionale, dell’Armenia e dei dintorni del Mar Caspio. Non si sa precisamente quando sia stata introdotta in Europa (forse nel IV secolo), tuttavia si è così ben acclimatata da sembrare quasi una pianta autoctona.
Importante è stato il suo ruolo nella economia contadina: infatti i suoi frutti diventavano assai preziosi nel periodo invernale quando le disponibilità alimentari erano scarse; l’olio di noce poi oltre che come alimento veniva utilizzato per la illuminazione e le foglie della pianta venivano utilizzate (anche oggi) per le loro ritenute proprietà medicinali. 

  

  

INTERNE_TGUSCIO_CON_MALLO0001IL FRUTTO

Il frutto è una grossa drupa  tondeggiante di circa 4-5 cm, di color verde o verdastro. E’costituito dalla polpa esterna (esocar¬po e mesocarpo) detta mallo, dal nocciolo o guscio (endocarpo) e dal seme detto gheriglio. Il mallo (la parte polposa della noce) non è commestibile. Della noce invece si mangia solo il seme, il gheriglio.

  

UTILIZZO

 Le noci, ampiamente utilizzate nel mondo, sono ricche in oli, in particolare in alfa-linoleico (acidi grassi omega 3) e acido linoleico (acidi grassi polinsaturi).
Le noci possono essere mangiate direttamente dopo aver rotto il guscio legnoso, ma più spesso si mangiano come ingredienti in prodotti da forno, gelati o altri cibi. Sono utilizzate nelle insalate e nei piatti di carne, pollame, pesce e pasta.
Frutti immaturi giovani sono marinati in aceto e vengono considerati una prelibatezza.
Frutti immaturi (per sfruttare la ricchezza di tannino, acido citrico e acido malico presenti nel mallo) servono per la produzione di un liquore, il nocino.
L'olio viene utilizzato in insalate e nella pasta.
L'allergenicità di questo olio e di altri tipi particolari di olio di noce dipende dal metodo di estrazione e la purezza del prodotto finale.
I colori ad olio contengono spesso olio di noce perché lega efficacemente i componenti e perché ha una limpida, brillante consistenza. Inoltre non è tossico.
Il mallo di noce produce un colore dal giallo-marrone al marrone scuro, utilizzato per la produzione di colori  e per altri scopi (concerie, ebanisterie). Le bucce (mallo) devono essere trattate con i guanti di gomma per evitare di tingersi le dita.
.

  

  

INTERNET__NOCI_INSIEME_-_DSCN9883

  

 VIA DI SENSIBILIZZAZIONE : digestiva

 

  

PRINCIPALI  ALLERGENI  IDENTIFICATI (da www.allergome.org)

 

Jug r 1  = 2S albumina

E’ stata dimostrata una identità del 46,1% con lo stesso allergene della noce del Brasile; anche la 2S albumina dell’Anacardio (Ana o 3) costituisce la base della cross-reattività con questa della noce. Sono state dimostrate cross-reattività tra le 2S albumine con Mandorla, Nocciola e Noce.
Sono state descritte cross-reazioni tra allergeni presenti nel Sesamo e nella noce. Ciò potrebbe dipendere dalla presenza nei semi di Sesamo sia di una 2S albumina (Ses i 2) o di una 7S globulina (= vicilina) (Ses i 3). Entrambi gli  allergeni del Sesamo come vediamo si riscontrano anche nella Noce.

Jug r 2  = Vicilina (7S globulina)

Poichè questi allergeni della Noce sono anche presenti nell’Arachide (Ara h 1), nella  Nocciola (Cor a 11) e nell’Anacardio (Ana o 1) e poiché hanno epitopi che evidenziano una discreta omologia strutturale (e ciò spiega la cross-reattività di legame con le IgE specifiche), viene consigliato ai soggetti sensibili alla noce di evitare anche l’arachide, la nocciola e INTERNET__055-NOCE-EMISFERI-OK-PERFECT-4800l’anacardio.
Una proteina di 19kDa del Grano saraceno ha evidenziato una debole omologia con la vicina della Noce, dell’Anacardio e con quella dei semi di Sesamo.
Una 7S globulina della noce di Cocco ha evidenziato una cross-reattività con la Nocciola e la Noce.

Jug r 3 = LTP (Lipid Transfer Protein)

Ora dal momento che nei pazienti sensibilizzati alle LTP si hanno esperienze di reazioni avverse dopo l’ingestione di cibi derivati da vegetali anche botanicamente non correlati e che queste reazioni sono frequenti e severe, viene suggerito a questi pazienti di considerare questi frutti a  guscio (noce, nocciola e arachide) potenzialmente pericolosi.
Al riguardo si sottolinea il lavoro di Asero (2002) nel quale su 20 soggetti LTP-monosensibili con storia clinica di allergia alla ingestione di frutta della famiglia delle Rosaceae (mela, pera, pesca, ciliegia, albicocca, prugna, o mandorla), l’80% evidenziarono una reattività clinica alla frutta con guscio (Noce, Nocciola, Pistacchio): in 11 casi (55%) la frutta a guscio scatenò reazioni sistemiche : 9 casi di orticaria/angioedema e 2 casi di anafilassi.

Jug r 4  = 11S Globulina (Legumina)

Condivide significative sequenze omologhe con legumina di Nocciola e di Anacardio.

Jug r 5 =  Profilina

Possibili reazioni crociate con altri cibi che contengono profiline.

 


Principali fonti documentali generali in Cultura Allergologica

Alcune fonti documentali specifiche (oltre a quelle presenti in Allergeni Molecolari )

Asero R, Mistrello G, Roncarolo D, Amato S. Walnut-induced anaphylaxis with cross-reactivity to hazelnut and Brazil nut. J Allergy Clin Immunol 2004;113:358-360
Asero R, Mistrello G, Roncarolo D, et al. Immunological cross-reactivity between lipid transfer proteins from botanically unrelated plant-derived foods: a clinical study. Allergy 2002;57:900-906
Barre A, Sordet C, Culerrier R, et al. Vicilin allergens of peanut and tree nuts (walnut, hazelnut and cashew nut) share structurally related IgE-binding epitopes. Mol Immunol 2008;45:1231-1240
Benito C, Gonzalez-Mancebo E, de D, Tolon RM, Fernandez-Rivas M. Identification of a 7S globulin as a novel coconut allergen. Ann Allergy Asthma Immunol 2007;98:580-584
Choi SY, Sohn JH, Lee YW, et al. Characterization of Buckwheat 19-kD Allergen and Its Application for Diagnosing Clinical Reactivity. Int Arch Allergy Immunol 2007;144:267-274
Comstock SS, McGranahan G, Peterson WR, Teuber SS. Extensive in vitro cross-reactivity to seed storage proteins is present among walnut (Juglans) cultivars and species. Clin Exp Allergy 2004;34:1583-1590
Nordlee JA, Atkins FM, Bush RK, Taylor SL. Anaphylaxis from undeclared walnut in commercially processed cookies. J Allergy Clin Immunol 1993;91:154
Pastorello EA, Farioli L, Pravettoni V, Robino AM, et al. Lipid transfer protein and vicilin are important walnut allergens in patients not allergic to pollen. J Allergy Clin Immunol 2004;114:908-914
Robotham JM, Wang F, Seamon V, et al. Ana o 3, an important cashew nut (Anacardium occidentale L.) allergen of the 2S albumin family. J Allergy Clin Immunol 2005;115:1284-1290
Senna G, Bonadonna P, Crivellaro M, et al. Anaphylaxis due to Brazil nut skin testing in a walnut-allergic subject. J Investig Allergol Clin Immunol 2005;15:225-227
Teuber SS, Brown RL, Haapanen LA. Allergenicity of gourmet nut oils processed by different methods. J Allergy Clin Immunol 1997;99:502-507
Teuber SS, Dandekar AM, Peterson WR, Sellers CL. Cloning and sequencing of a gene encoding a 2S albumin seed storage protein precursor from English walnut (Juglans regia), a major food allergen. J Allergy Clin Immunol 1998;101:807-814
Teuber SS, Peterson WR. Systemic allergic reaction to coconut (Cocos nucifera) in 2 subjects with hypersensitivity to tree nut and demonstration of cross-reactivity to legumin-like seed storage proteins: new coconut and walnut food allergens. J Allergy Clin Immunol 1999;103:1180-1185
Wallowitz ML, Chen RJ, Tzen JT, Teuber SS. Ses i 6, the sesame 11S globulin, can activate basophils and shows cross-reactivity with walnut in vitro. Clin Exp Allergy 2007;37:929-938