FRUTTI - FRAGOLA - ALLERGIA ALLA FRAGOLA

ALLERGIA ALLA FRAGOLA
 

FRAGOLA - STRAWBERRY - FRAISE

 

di Vasco Bordignon

 

01-_INTERNET_-_INSIEME_DI_FRAGOLE_

Il nome generico Fragola per alcuni deriva dal termine latino “fragum” che indicava proprio la fragola presso i nostri antenati. Altri lo fanno derivare da verbo latino “fragrare” che significa “aver un buon profumo”. La pianta è assai diffusa nelle regioni temperate di tutto il mondo.

La fragolina di bosco è conosciuta come Fragraria vesca L. ed è l’antenata delle fragole coltivate, rispetto alle quali rimane più piccola, più gustosa e più profumata.

Si narra che nel 1714 François Amédée Frézier (Chambery, 4 luglio 1682 – Brest, 1773) incrociò due fragole di bosco ottenendo fragole molto più carnose e molto più grandi dando successivamente origine alle fragole coltivate.

Le moderne cultivar deriverebbero da due specie: Fragraria virginiana Duchenne e Fragraria chiloensis (L) Duchesne del Cile. Molto frequente la specie coltivata Fragraria x ananassa Duchenne, da cui poi le sigle allergeniche.

 

Si conoscono oltre 600 varietà di fragole, diverse per grandezza, carnosità, colore e sapore.

04-_INTERNET_-_FRAGOLA_-_I_PICCOLI_SEMI_-_DSCN0134

In senso botanico la fragola non è un frutto: infatti quello che si mangia rappresenta il rigonfiamento del peduncolo dopo la fecondazione del fiore: i veri frutti sono i piccoli semini giallastri sclerificati (detti acheni)  o superficiali o in fossette (ben visibili nella immagine a lato).


IMPIEGHI
Le fragole sono utilizzate in tantissimi modi: o consumate intere al naturale o a pezzetti o frullate oppure in yogurth, gelati, o con il vino o liquori, come anche immerse nel cioccolato fuso.  Anche i sorbetti sono ottimi. Non disdegnano le fragole le crostate, i biscotti, macedonie, marmellate, ecc.

Le foglie della fragola possono essere anche mangiate sia crude che cotte e possono rappresentare un sostituto del the.  Le radici in India rappresentano una alternativa al caffè.

I frutti contengono acido acetilsalicilico.  Molti rimedi erboristici fanno uso sia di frutti che di foglie. Applicata esternamente la fragola viene utilizzata come rimedio per le scottature e i geloni

 

02-_NTERNET_-_INSIEME_DI_FRAGOLE_-_DSCN0126 

 

VIA DI SENSIBILIZZAZIONE : digestiva

PRINCIPALI ALLERGENI IDENTIFICATI (www.allergome.org)
E LORO CROSS-REATTIVITA’

 

Fra a 1 = Bet v 1-like
Tale allergene ha evidenziato una grande variabilità nei vari tipi di fragole.
E’ di certo molto meno presente nelle varietà di fragola prive di colore.
Una identità della sequenza aminoacidica  si riscontra nel 54-61% con Bet v 1 e nel 77-78 % con Mal d 1 della mela.
Possibili cross-reazioni con altri  Bet v 1 presenti in altri vegetali.

 

Fra a 3 = LTP
Il gene che esprime questa proteina  allergenica viene stimolato dagli stimoli lesivi e represso dal freddo. Lo studio della allergia alla fragola nell’area mediterranea ha evidenziato che questo allergene non sembra essere clinicamente rilevante e che comunque pur essendo presente negli estratti allergenici e che dimostri di liberare istamina siano necessarie concentrazioni molto più elevate rispetto ad es. all’allergene Pru p 3 (LTP della pesca).

 

Fra a 4 = Profilina
Tale profilina avrebbe una certa importanza in caso di molteplici pollinosi in ambito ambientale di grande presenza di betulle.

 

Enzimi pectinolitici quali  poligatturonasi, pectato-liasi e pectina metilesterasi sono stati isolati dalle fragole e associati in particolare alle loro  fasi di riduzione di consistenza  come si osserva nella maturazione. Infatti massima concentrazione in quelle verdi e massima riduzione in quelle “vecchie”.
 
E’ stata isolata anche una beta-1,3-glucanasi, la cui allergenicità nella fragola non è stata ancora dimostrata.

 

Altre annotazioni
E’ verosimile che esista una cross-reattività verso le varie specie dello stesso genere.
Sappiamo come esista nell’ambito della famiglia delle Rosaceae una diffusa cross-reattività tra i vari membri, tuttavia non è  stata ancora quantificata la cross-reattività fra la fragola e altri membri di questa famiglia.

Si deve poi ricordare lo studio di Kalogemitros del 2006 dove nell’ambito di 61 pazienti con documentata storia di reazioni IgE mediate verso l’uva e derivati si è riscontrata una cross-reattività con la fragola nel 33%.


ALLERGENICITA’

 

La fragola può determinare nei soggetti sensibilizzati vari sintomi di allergia alimentare. Tuttavia nella maggioranza degli studi questa sensibilizzazione viene di norma riscontrata all’interno di sensibilizzazioni multiple nello stesso soggetto.
E’ maggiormente individuata nell’età infantile.

E’ stata documentata anche una orticaria da contatto.

Sappiamo poi  che nelle fragole è presente una varietà di sostanze aromatiche e di sostanze vasoattive, ad es. istamina, e quindi siano possibili reazioni non mediate da IgE, come  una orticaria a causa di una eccessiva produzione di istamina attivata dal frutto.

 

Principali fonti documentali generali in Cultura Allergologica.
Alcune fonti documentali specifiche:

Draye M, Van Cutsem P. Pectin methylesterases induce an abrupt increase of acidic pectin during strawberry fruit ripening. J Plant Physiol 2008;165:1152-1160
Eriksson NE, Moller C, Werner S, et al. Self-reported food hypersensitivity in Sweden, Denmark, Estonia, Lithuania, and Russia. J Investig Allergol Clin Immunol 2004;14:70-79
Fernandez Rivas M, van Ree R, Cuevas M. Allergy to Rosaceae fruits without related pollinosis. J Allergy Clin Immunol 1997;100:728-733
Grattan CE, Harman RR. Contact urticaria to strawberry. Contact Dermatitis 1985;13:191-192.
Kalogeromitros DC, Makris MP, Gregoriou SG, et al. Sensitization to other foods in subjects with reported allergy to grapes. Allergy Asthma Proc 2006;27:68-71
Karlsson AL, Alm R, Ekstrand B, et al. Bet v 1 homologues in strawberry identified as IgE-binding proteins and presumptive allergens. Allergy 2004;59:1277-1284
Musidlowska-Persson A, Alm R, Emanuelsson C. Cloning and sequencing of the Bet v 1-homologous allergen Fra a 1 in strawberry (Fragaria ananassa) shows the presence of an intron and little variability in amino acid sequence. Mol Immunol. 2006;44:1245-1252
Rodriguez J, Crespo JF, Lopez-Rubio A, et al. Clinical cross-reactivity among foods of the Rosaceae family. J Allergy Clin Immunol 2000;106:183-189
Shi Y, Zhang Y, Shih DS. Cloning and expression analysis of two beta-1,3-glucanase genes from strawberry. J Plant Physiol 2006;163:956-967
Zuidmeer L, Goldhahn K, Rona RJ, et al. The prevalence of plant food allergies: a systematic review.  J Allergy Clin Immunol 2008;121(5):1210-1218
Zuidmeer L, Salentijn E, Rivas MF, et al. The role of profilin and lipid transfer protein in strawberry allergy in the Mediterranean area. Clin Exp Allergy 2006;36:666-675